Escola Superior de Conservació i Restauració de Bés Culturals de Catalunya
Image from Google Jackets

Nuove fonti per l'iconografia equestre del Salón de Reinos di Velázquez al Buen Retiro (1628-1634/35)

Contributor(s): DE CAVI, SabinaMaterial type: ArticleArticleDescription: 21 pISBN: 1135-9722 (imprès) 2014-8798 (en línia)Subject(s): Borgogna | Buen Retiro | Cornelis Anthonisz | Entrate regie | Fiandre | genere | Giambologna | Giovanni Stradano | Iconografia regia | Johannes Stradanus | Madrid | Matrimonio | Pietro Tacca | Re Filippo III | Re Filippo IV | Regina Isabella di Borbone | Regina Margherita d'Asburgo | Ritrattistica | Ritrattistica di corte | Ritratto equestre | Salón de los Reinos | Stampe popolari | Tiziano | Velázquez | xilografieOnline resources: Accés en Línia In: Locus AmoenusAbstract: Senza entrare nel tema all'autobiografia integrale o parziale dei dipinti di Velázquez, per quale si attendono nuovi studi tecnici dal Prado di prossima publicazione, questo articolo offre una sintetica rassegna degli studi sui dipinti del Salón de los Reinos al Buen Retiro a Madrid (1628-1634/35), proponendo due nove fonti iconografriche per i ritratti equestri di Asburgo in Spagna. Da un lato si sottolinea l'importanza dell'esperienza visiva delle entrate regie durante il regno di Filippo III e Margherita d'Asburgo a partire dal 1599, vere e proprie performances urbane che offrirono un importante spazio per elaborazione di un'iconografia ufficiale e di coppia dei regnati Asburgo a cavallo. Dall'altro si segnala l'importanza della circolatione di incisioni fiamminghe quali la serie di cavalli en corvette di Johannes Stradanus (Ioannes van der Straet, 1523-1605) stampate nel 1580 e i numerosi ritratti equestri di vari regnanti nordici di Cornelis Anthonisz (c.1499-1553). Ritrattista <<popolare>> di Carlo V, e Anthonisz sviluppò in particolare il motivo della regina amazzone e proprio in ambito borgognone. In definitiva il saggio suggerisce una linea di ricerca <<nordica>> e <<asburgica>> per la nascita del ritratto equestre in Spagna, altri menti tradizionalmente spiegato con la ripresa e traduzione di modelli scultorei romani e italiani (Marco Aurelio, Tacca), e con l'opera pittorica di Tiziano e di Rubens.
Star ratings
    Average rating: 0.0 (0 votes)
Holdings
Item type Current library Call number Status Notes Date due Barcode
Article de revista Article de revista Biblioteca de l' Escola Superior Conservació i Restauració de Bens Culturals de Catalunya
Locus Amoenus (Browse shelf(Opens below)) Available R: 2979 Art-335

Senza entrare nel tema all'autobiografia integrale o parziale dei dipinti di Velázquez, per quale si attendono nuovi studi tecnici dal Prado di prossima publicazione, questo articolo offre una sintetica rassegna degli studi sui dipinti del Salón de los Reinos al Buen Retiro a Madrid (1628-1634/35), proponendo due nove fonti iconografriche per i ritratti equestri di Asburgo in Spagna. Da un lato si sottolinea l'importanza dell'esperienza visiva delle entrate regie durante il regno di Filippo III e Margherita d'Asburgo a partire dal 1599, vere e proprie performances urbane che offrirono un importante spazio per elaborazione di un'iconografia ufficiale e di coppia dei regnati Asburgo a cavallo. Dall'altro si segnala l'importanza della circolatione di incisioni fiamminghe quali la serie di cavalli en corvette di Johannes Stradanus (Ioannes van der Straet, 1523-1605) stampate nel 1580 e i numerosi ritratti equestri di vari regnanti nordici di Cornelis Anthonisz (c.1499-1553). Ritrattista <<popolare>> di Carlo V, e Anthonisz sviluppò in particolare il motivo della regina amazzone e proprio in ambito borgognone. In definitiva il saggio suggerisce una linea di ricerca <<nordica>> e <<asburgica>> per la nascita del ritratto equestre in Spagna, altri menti tradizionalmente spiegato con la ripresa e traduzione di modelli scultorei romani e italiani (Marco Aurelio, Tacca), e con l'opera pittorica di Tiziano e di Rubens.

There are no comments on this title.

to post a comment.

Powered by Koha